Trading su criptovalute, conviene ancora?

0
Analisi dell'attuale situazione del trading su bitcoin

Il trading su criptovalute, inteso sia come compravendita di criptovalute, sia come trading online sul loro valore, è decisamente passato di moda. Se alla fine del 2017 si discuteva di quando il Bitcoin avrebbe raggiunto i 25 mila dollari se non i 30 o addirittura i 100 mila, oggi si discute sul quando tornerà sopra i 5 mila. La bolla, alla fine, è scoppiata. Un argomento troppo complesso che è riuscito comunque a catturare centinaia di migliaia se non milioni di investitori amatoriali, rapiti dalla rapidissima crescita di valore di una moneta virtuale.

Alla corsa del Bitcoin avevano partecipato tutti, anche coloro che l’investimento non sapevano cosa fosse, anche coloro che i mercati finanziari non sanno cosa siano, hanno partecipato tanti principianti che uniti ai forti investitori hanno dato vita a un vero fenomeno finanziario e sociale, crollato alle prime difficoltà. Infatti, se l’obiettivo principale di Bitcoin era quello di offrire una valuta alternativa a quella tradizionale, per proteggersi dalle crisi economiche e dall’inflazione “a comando”, è comunque finito per essere sconfitto dallo stesso mercato finanziario di cui si era “sporcato le mani”.

Infatti, pensandoci bene, il Bitcoin è nato con l’intenzione di sfidare le leggi dei mercati finanziari. Non calcolando, tuttavia, che gli stessi mercati finanziari e gli investitori iniziassero ad interessarsi proprio del Bitcoin e addirittura inserendolo in alcuni canali tradizionali, come quello dei futures.

Il risultato, è stato che Bitcoin è collassato, favorendo soprattutto coloro che avendolo acquistato a un prezzo molto basso, hanno potuto godersi profitti molto elevati.

Da un’operazione anticapitalista, è diventata la più potente delle occasioni capitaliste della storia. Beato a chi ne ha goduto.

Comprare Bitcoin oggi

Se da un lato la maggior parte degli avventori dell’ultimo minuto hanno abbandonato la corsa, dall’altro c’è ancora tanta gente che ancora mantiene viva la capitalizzazione dei bitcoin. Alla fine dei conti, sebbene non valga più 20 mila dollari, comunque ne vale diverse migliaia, che rispetto ai 1000-2000 di un paio di anni fa non è certo male.

Conviene comprare Bitcoin oggi? Stando ai numeri e soprattutto ai fatti, pare proprio di no. Proprio la scissione avvenuta nel Bitcoin Cash ha dato vita ad una “hashwar”, ovvero ad una guerra che soltanto chi la fa forse è in grado di comprenderla, figuriamoci uno che ha investito qualcosa in Bitcoin giusto per passatempo. Bastano questi conflitti interni tra smanettoni per far abbassare il prezzo del bitcoin del 10% in un giorno. Se questo vi sta bene, allora potreste valutare di acquistare Bitcoin e “riaprire il baule” tra qualche anno, oppure aspettare il prossimo boom, semmai si farà. Tuttavia, a tal proposito, occorre considerare che difficilmente la gente scottata si farà bruciare un’altra volta.

Conviene fare trading su BTC?

Il trading su Bitcoin con CFD, a suo vantaggio, ha sicuramente il fatto che consente di fare trading sia sui rialzi, sia sui ribassi del valore del BTC. Ciò vuol dire che si possono aprire anche posizioni ribassiste sul prezzo del Bitcoin e quindi “puntare” sul suo ribasso, oltre che sul suo rialzo.

Un piccolo ma grande difetto dall’attuale situazione nel trading CFD su Bitcoin è che comunque i broker offrono una leva molto bassa (1:2 o 1:5 ben che vada) sul Bitcoin, perciò occorrerebbero davvero grandi variazioni per poter ottenere dei profitti dalle posizioni aperte.

Una soluzione, a tal proposito, ci sarebbe. Ovvero quella di aprire un conto trading professionista al fine di poter utilizzare leve più alte. Il conto professionista richiede alcuni requisiti in più rispetto a quelli richiesti per il conto base.

Se vi interessa fare trading su criptovalute o su altri strumenti finanziari come azioni, valute, materie prime, indici di borsa ed altro ancora, potreste chiedere informazioni al servizio clienti di Plus500 riguardo al conto professionista. Per farlo, aprite un conto trading base e successivamente valutate se passare al conto professionista.

Trading su criptovalute, conviene ancora?
Vota questo articolo