Trading online alle Canarie

Per fare trading online alle Canarie occorre scegliere un broker che sia legale in quel territorio. La scelta non è sempre semplice, perciò abbiamo deciso di aiutarvi con questo articolo.

Agli utenti che ci seguono dalle Canarie ci sentiamo di consigliare senza dubbio la piattaforma di trading online di Plus500 (provatela qui con un conto demo senza deposito) molto innovativa e facile da usare sia da utenti principianti che esperti.

Dato che Plus500 non dispone di una guida specifica per il suo utilizzo, abbiamo pensato di farla noi con la quale potrete imparare facilmente le basi per poter fare trading senza fare operazioni seguendo l’istinto. Potete quindi consultare la nostra guida online a Plus500 ogni volta che vorrete.

Plus500 è operativo alle Canarie allo stesso modo come in Italia ed è regolamentato a livello europeo dalla CySEC (licenza n.250/14).

I migliori broker per fare trading dalle Canarie

In questa breve guida di trading online dalle Canarie, abbiamo inserito una lista di broker con i quali avrete la possibilità di operare. I broker proposti potranno essere usati a vostro piacimento sia in Italia che alle Canarie, per cui se siete già in possesso di un conto di trading e vi volete trasferire alle Canarie, l’account rimarrà il medesimo e sarà operativo in entrambi i paesi.

Sotto hai una tabella con i migliori broker selezionati da noi disponibili alle Canarie. Abbiamo scelto alcune delle piattaforme più note con cui operare facilmente, quindi adatte a qualsiasi tipo di utente.

PIATTAFORMA DEMO DI PRATICA VANTAGGI
Logo di Plus500, broker cfd trading Il 76,4% dei conti al dettaglio perdono denaro Consulta la Guida Plus500 Conto Demo Senza Deposito
Regolamentato (CySEC)
Iscrizione rapida
Azioni emergenti e IPO
Spread competitivi
Trading da browser o App
Logo di FXTB, broker forex trading L' 80,58% dei conti al dettaglio perdono denaro Consulta la Guida FXTB Conto Demo Gratuito
Regolamentato (CySEC)
Iscrizione facile
eBook gratuito
Azioni cinesi e Amazon
MetaTrader 4
Logo di Plus500, broker cfd trading Il 75% dei conti al dettaglio perdono denaro Consulta la Guida eToro Conto Demo Senza Deposito
Regolamentato (CySEC)
Copy trading
Facile da usare
Azioni e Cripto zero commissioni
Trading da browser o App

È legale fare trading alle Canarie?

Una domanda che sorge tra i lettori che stanno all’estero è se sia legale fare trading nel paese dove si trovano. Il trading alle Canarie è assolutamente legale ma bisogna scegliere bene la piattaforma con cui operare poiché essa deve essere in possesso dei permessi concessi dalle autorità competenti.

Infatti, come in Italia occorre una regolamentazione da parte di un ente regolatore riconosciuto a livello europeo (CySEC) e l’iscrizione al registro Consob (Commissione Nazionale delle Società e la Borsa), alle Canarie occorrerà l’autorizzazione della CNMV (Comision Nacional del Mercado de Valores).

Per sapere se un broker ha ottenuto l’autorizzazione da parte della CNMV, potrete consultare diversi registri dove si trovano tutti gli intermediari finanziari riconosciuti. La presenza del broker in tali liste certifica proprio il fatto che possiede l’autorizzazione a operare nel territorio e che quindi avrete la possibilità di fare trading tramite la piattaforma tranquillamente alle Canarie.

Come scoprire se un broker consente di fare trading dalle Canarie

Una volta scelto il broker che fa al caso vostro, per sapere se vi consente di fare trading alle Canarie vi basterà recarvi alla homepage della piattaforma, scorrere in basso e controllare tra le varie informazioni e autorizzazioni del broker. Per qualsiasi dubbio in 0gni caso avrete a vostra disposizione il servizio clienti.

Come avrete già visto nella tabella, oltre Plus500, alle Canarie è possibile utilizzare anche altri broker come AvaTrade ed eToro.

Le piattaforme della tabella possono tutte operare alle Canarie ma ci potrebbero essere altri broker diversi da quelli proposti da noi che non hanno l’autorizzazione a operare. Al giorno d’oggi quasi tutti i broker consentono di operare sia in Italia che in tutti i paesi europei, però per evitare sorprese, siccome le legislazioni variano in continuazione, vi consigliamo di informarvi meglio.

Siccome sappiamo che Plus500 è sicuramente legale alle Canarie, per evitare sorprese aprendo conti con broker non autorizzati ti consigliamo questa come piattaforma che potrai provare tu stesso usando eventualmente anche la versione demo della piattaforma.

Età e requisiti del conto trading alle Canarie

Per poter fare trading con qualsiasi broker, è necessario aver raggiunto la maggior età per il paese in questione e non essere in possesso di un conto aperto in precedenza con la stessa piattaforma con cui si vuole operare.

Il conto di trading infatti è personale e unico, perciò non potrete avere più di un conto con lo stesso broker. Se avete già un conto aperto in Italia e vi trasferite alle Canarie, l’account rimarrà lo stesso.

Se invece volete aprire un nuovo conto, potrete farlo solo cambiando il broker.

Trading con Plus500 alle Canarie: è legale?

Plus500 è una piattaforma di trading assolutamente legale e regolamentata alle Canarie, perciò l’utilizzo del conto è identico come in Italia. L’unica cosa che vi segnaliamo è quella di variare i dati riguardo la residenza nel caso in cui vi trasferiste alle Canarie.

Vi ribadiamo inoltre che Plus500 dispone di una versione demo della piattaforma che potrete usare a vostro piacimento operando con un budget virtuale e illimitato senza obblighi di deposito.

Tasse alle Canarie: tasse sul capital gain

Per quanto riguarda la tassazione sul capital gain, le Canarie hanno delle leggi specifiche, diverse da quelle italiane.

Siccome le leggi sono sempre in continuo cambiamento, quando vorrete aprire un conto di trading online alle Canarie, vi conviene chiedere informazioni al commercialista o ancora meglio chiamare il servizio clienti del broker e spiegare la vostra situazione.

Per avere informazioni più dettagliate riguardo la gestione del conto di trading nel caso in cui vi trasferiste dall’Italia alle Canarie, dovrete contattare il servizio clienti del broker con il quale avete aperto il conto.