BROKER TIPO CONTO DEMO RECENSIONE VANTAGGI
Capital at risk
CFD Prova gratuitamente LeggiFacilità di utilizzo
Enorme ventaglio di prodotti disponibili
Titoli Ferrari
Protezione dal saldo negativo

Capital at risk
CFD e Opzioni Prova gratuitamente LeggiOperazioni a partire da 1€
Tutte le tipologie di strumento finanziario
Chat con altri utenti
Tornei di trading a premi

Capital at risk
CFD Prova gratuitamente LeggiPiattaforma molto chiara
Segnali e calendario economico
MetaTrader 5 disponibile
Supporto clienti 24h/24

Capital at risk
CFD Prova gratuitamente LeggiBonus sul primo deposito
MetaTrader disponibile
Webinar gratuiti

Nota: se un link non dovesse funzionare, prova a mettere in pausa AdBlock. Non compariranno banner, video o pop-up.

Guida Forex Trading Online

Come fare trading sul Forex, una guida completa

In questa guida presentiamo tutte le informazioni necessarie per iniziare ad operare nel trading sul Forex online da casa, per praticare con soldi virtuali oppure per guadagnare soldi reali. Chiariremo perché i broker Forex seri e autorizzati non hanno alcun interesse o guadagno sulla vostra perdita, ma al contrario si augurano che possiate effettuare più operazioni.

Accedete qui alla piattaforma +500, tra le più apprezzate al mondo e in Italia per il di trading sui cambi valutari. Provatela in modalità demo per tutto il tempo che volete, gratuitamente e senza alcun impegno. Garantito.

Cosa è il Forex?

Il Forex o Foreign Exchange Market è il mercato valutario, il più grande mercato del mondo in termini di scambi. Con il trading online si possono aprire posizioni al rialzo o al ribasso sui cambi valutari, ovvero sui rapporti in una coppia valutaria, come ad esempio il cambio Euro/Dollaro o EUR/USD.
Quali sono i vantaggi del Forex? Tra i risaputi vantaggi del Forex rispetto agli altri mercati si possono evidenziare i seguenti:
  • Equità: si tratta di un mercato talmente grande che non può essere influenzato da grandi investitori, così come avviene ad esempio nel mercato azionario;
  • Meno rischi: le coppie valutarie, in particolar modo quelle principali, non subiscono mai crolli eccessivi in tempi brevi, così come potrebbe avvenire nelle peggiore ipotesi nel mercato azionario o nel mercato delle materie prime;
  • Convenienza: con il Forex trading online non si pagano le alte commissioni previste dalle banche per l'acquisto di azioni;
  • Leva finanziaria: grazie al meccanismo della leva, il potere d'acquisto del vostro capitale sarà di molto superiore rispetto al budget effettivo. La leva consente di ottenere profitti in tempi brevi, ma anche di perdere. Per contrastare efficacemente questo rischio, si possono utilizzare le funzioni di stop automatico.
  • Semplicità: per fare trading sul Forex e guadagnare da casa in base alle variazioni dei tassi di cambio, occorrono poche e semplici operazioni, che vedremo nel primo paragrafo qui sotto;
  • Trading automatico: le piattaforme di trading più evolute consentono di impostare ordini di trading automatico tra cui stop loss (nel caso in cui il mercato si muovesse contro la propria previsione, lo stop loss chiude la posizione non appena si raggiunge un massimale a propria scelta), stop limit (consente di fare profitto chiudendo automaticamente una posizione una volta che viene raggiunta la quota di profitto desiderata). Entrambi questi ordini, insieme allo stop operativo e garantito, sono presenti nella piattaforma da noi proposta nel paragrafo seguente.

Come si fa Trading sul Forex?

Per fare trading sul Forex occorre accedere ad una piattaforma di negoziazione con la quale si possono piazzare gli ordini di acquisto (long), vendita (short), stop loss, stop limit, stop garantito e stop operativo.

La piattaforma per il Forex trading più conosciuta al mondo è Plus500.
Una volta avviata la piattaforma per Forex, le operazioni da fare sono:
  1. Scelta di una coppia valutaria (es. EUR/USD, GBP/EUR, GBP/USD, USD/JPY ecc.)
  2. Scelta dell'importo (ad esempio si parte da circa 10€ per l'EUR/USD)
  3. Apertura di una posizione al rialzo o ribasso (acquisto se si prevede il rialzo, vendita se si prevede il ribasso)
  4. Impostazione di stop loss (impostazione per fermare le perdite in modo automatico)
  5. Chiusura della posizione quando si ritiene più opportuno (decidete voi quando chiudere la posizione)
Queste cinque operazioni costituiscono le fasi del Forex con cui vi troverete a fare i conti. Come potete notare, si tratta di operazioni necessarie ma allo stesso tempo opzionali. Potrete scegliere su quale delle tante coppie principali, secondarie e virtuali negoziare, potrete scegliere l'importo di ogni vostra singola operazione, potrete scegliere se e quando aprire una posizione, se e quando chiuderla.

L'unica cosa che vi consigliamo di non "valutare" ma di "fare", è quella di impostare almeno gli stop loss. Qui di seguito, vediamo in cosa consistono.

Stop Loss, ovvero come ridurre al massimo il rischio nel Forex

Quando i tassi di cambio si muovono in modo contrario a quanto pronosticato, la posizione aperta produce delle perdite. Con l'ordine stop loss si dà al broker l'ordine di chiudere la posizione non appena raggiunto un massimale di perdita pianificato. Se ad esempio desiderate perdere massimo 30 euro su una determinata posizione, potete impostare lo stop loss in modo tale che non appena si sorpassa quota 30,00 euro la posizione viene chiusa. In questo modo si contrastano efficacemente i rischi di una variazione repentina e forte dei tassi e dei prezzi. Uno strumento efficace, potente e facile da usare. Nella figura qui sotto, l'impostazione dello Stop loss nella piattaforma Plus500.

Esempio di investimento sul Forex, ordine di acquisto su eurusd

Glossario Forex

Prima di iniziare a fare trading con il Forex, è ottimale conoscere tutti gli elementi alla base di questo mercato, iniziando dalla terminologia, ovvero dalle parole utilizzate da chi vi opera.
  • Tasso di cambio: è il rapporto tra le valute di una coppia valutaria. Nel rapporto EUR/USD si deve considerare l'EUR come il numeratore e l'USD come il denominatore. Perciò, se EUR/USD è pari a 1,2650 questo sarà dato dalla divisione tra valuta al numeratore e quella al denominatore. Semplicissimo. Si dice anche "euro contro dollaro", come se fosse una continua sfida
  • La valuta al numeratore è chiamata "Valuta Base", la valuta al denominatore è chiamata "Valuta Quotata"
  • Prendendo come esempio l'EUR/USD, chi compra si dice che "va lungo" o "rialzista di EUR/USD".  Chi vende, invece, "va corto" ed è "ribassista di EUR/USD"
  • Nelle piattaforme di Forex, i broker propongono due prezzi differenti chiamati "ask" e "bid"
  • Il Bid è costituito dal prezzo di acquisto della valuta base contro quella quotata
  • L'Ask è costituito dal prezzo di vendita della valuta base contro quella quotata
  • La differenza tra ask e bid offerti dal broker si chiama spread, che costituisce l'unico guadagno del broker
  • Lo spread deciso dai broker cambia a seconda della coppia valutaria. Ad esempio, se per l'EUR/USD è solitamente di 1 o 2 pip (ovvero 0,0002), per l'EUR/JPY è più alto. Ve ne accorgerete subito facendo la differenza tra il prezzo di acquisto e di vendita della coppia valutaria considerata. 

Qui di seguito, la videata iniziale della piattaforma Forex di Plus500

Piattaforma per il trading forex online

Sulla destra si possono notare dei pulsantini "acquisto" e "vendita"? La differenza di prezzo tra i due prezzi è chiamata spread e su questo si basa il gudagno del broker ogni volta che si apre una posizione. Sarà l'unico guadagno del broker. Il broker del Forex, almeno quelli che vi proponiamo, non ha interesse nella vostra perdita, ma nel fatto che guadagniate in modo tale da effettuare altre operazioni. E' come se sia un gettone. Pagate un gettone per aprire una posizione: il gettone se lo becca il broker. Il resto va tutto a voi.
Caratteristiche leva e margine dell'EURUSD offerto da Plus500
Le caratteristiche dell'eur/usd con le quotazioni presenti al momento del nostro esempio, notate lo spread (0,01%, ovvero la differenza tra 1,2669 e 1,2668), il margine iniziale, il margine di mantenimento, la leva e la scadenza.

Leva Finanziaria e Margine di mantenimento

Si tratta di due aspetti molto importanti poiché rappresentano l'aspetto più attrattivo del trading online. La leva finanziaria, così come accennato ad inizio articolo, consente di amplificare il potenziale del proprio budget, riuscendo così a negoziare su valori molto più alti del capitale investito.
Con una leva di 1:200 ad esempio si possono muovere 20.000 euro con soli 100 euro.  Questi 100 euro sarà il margine iniziale ovvero la quota che sarà effettivamente sottratto dal conto disponibile per poi rientrare nel conto al netto delle perdite o con l'aggiunta dei profitti, a seconda del risultato ottenuto.
Al margine iniziale si aggiunge il margine di mantenimento, ovvero una somma che il broker trattiene fin quando la posizione resta aperta, al fine di proteggersi nel caso in cui l'equity scenda a livelli di allerta, in cui l'utente deve decidere se mantenere la posizione aperta aggiungendo credito, oppure chiudere la posizione.
Quando si raggiunge un livello di allerta, il broker effettua una "margin call" o "chiamata a margine". In pratica, vi invia un sms e un'email per avvisarvi che si è raggiunto tale livello. Si può evitare questa situazione, prevenendola con uno stop loss, così come spiegato in precedenza.
Le basi sono queste. Desiderate provare personalmente? Fatelo in modo totalmente gratuito aprendo un conto demo come descritto nella recensione su Plus500.

+Traderonlineitalia