BROKER TIPO CONTO DEMO RECENSIONE VANTAGGI
Capital at risk
CFD Prova gratuitamente LeggiFacilità di utilizzo
Enorme ventaglio di prodotti disponibili
Titoli Ferrari
Protezione dal saldo negativo

Capital at risk
CFD e Opzioni Prova gratuitamente LeggiOperazioni a partire da 1€
Tutte le tipologie di strumento finanziario
Chat con altri utenti
Tornei di trading a premi

Capital at risk
CFD Prova gratuitamente LeggiPiattaforma molto chiara
Segnali e calendario economico
MetaTrader 5 disponibile
Supporto clienti 24h/24

Capital at risk
CFD Prova gratuitamente LeggiBonus sul primo deposito
MetaTrader disponibile
Webinar gratuiti

Nota: se un link non dovesse funzionare, prova a mettere in pausa AdBlock. Non compariranno banner, video o pop-up.

Peculiarità del trading online

Quali sono i vantaggi e le particolarità del trading online
Quali sono state le motivazioni che hanno attratto milioni di utenti di tutto il mondo al trading online? Le peculiarità di tale pratica sono numerose e non tutte sono ben chiare o note ai più. D'altronde, il settore della finanza è già una nicchia per quel che riguarda gli appassionati e si restringe ulteriormente nella conta di chi opera attivamente a scopi di lucro o per conto di aziende.

Uno dei punti che ha attratto numerosi utenti al trading online è stata proprio la possibilità di ottenere risultati economici dal proprio computer, in modo autonomo, sfruttando una semplice connessione ad internet e la propria conoscenza dei mercati finanziari. Una rivoluzione non da poco, dato che prima dell'avvento di tale pratica, il solo modo per lucrare sui prezzi dei titoli era quello tradizionale e notevolmente più dispendioso.

L'economicità

Con questo termine un po' ambiguo, in Italia intendiamo indicare la possibilità di ottenere beni o servizi a prezzi modici. Ebbene, il trading online è stato rivoluzionario proprio per questo: ha consentito di accedere alla negoziazione su strumenti finanziari con capitali molto ridotti.

Oggi si può fare trading con l'ammontare di capitale che si desidera. Si può procedere in modo "ambizioso", con diverse migliaia di euro, oppure più pacatamente, con un migliaio o poche centinaia. Molti utenti apprezzano invece il fatto che si possa fare trading partendo con depositi di 100 euro o anche meno. Il "deposito minimo" dipende dal broker con cui si opera.

Se in alcuni casi la necessità di godere di un po' di elasticità porta a depositare qualche centinaio di euro anziché solo 100, in altri invece la soglia irrisoria delle operazioni consente di operare con elasticità anche con molto meno. Alcuni broker, consentono di effettuare operazioni addirittura con 1$. 

Elasticità, adattamento, ampia scelta

Considerando proprio quanto detto alla fine del precedente paragrafo, è giusto quindi evidenziare due aspetti quali l'elasticità e l'adattamento.

L'elasticità e l'adattamento sono quelli che hanno manifestato i broker nei confronti dei clienti, i quali sempre più numerosi, hanno offerto feedback ben chiari sulle diverse opportunità offerte dai broker nel tempo. L'aggiunta costante di strumenti finanziari, l'offerta di ambienti di contrattazione (piattaforme di trading) sempre più chiari e semplici da usare, l'offerta di spread sempre più competitivi, la possibilità di effettuare depositi sempre più ridotti, la possibilità di usufruire di istruzioni per utilizzare le proprie piattaforme, l'implementazione del servizio clienti in live chat

A questi si aggiunge l'ampia scelta degli strumenti disponibili, che rappresenta sia l'adattamento dei broker verso le richieste dei clienti, sia un miglioramento dell'offerta stessa nel tempo.

Broker sempre più controllati

La richiesta di trasparenza non fa mai male. I broker autorizzati dalle authority riconosciute a livello europeo e appartenenti alla normativa MiFID, negli ultimi anni hanno fatto richieste sempre più stringenti ai broker online sotto la loro supervisione, così come evidenziato anche dal sito osservatoriofinanza.it.

A partire dal 2016 si sono fatte decisamente più severe le norme riguardanti la tutela dei consumatori, affinché questi possano operare con maggiore trasparenza e partendo da una effettiva preparazione o per lo meno conoscenza sufficiente dei mercati finanziari. Per questo motivo è importante anche per chi inizia di affidarsi a dei broker autorizzati, regolati a livello comunitario europeo da authority riconosciute, appartenenti al MiFID (es. CySEC) e iscritte al registro Consob, così come quelle menzionate dal nostro sito.

Differenziazione dell'offerta di strumenti per negoziare

Il trading online negli anni ha conosciuto una biforcazione tra due strumenti finanziari utilizzati per negoziare sugli asset sottostanti. Questa biforcazione ha visto come protagonisti i CFD e le opzioni binarie.

I CFD sono strumenti finanziari caratterizzati dalla leva finanziaria che consente di negoziare su determinate quantità di titoli esponendosi solo per una (minima) parte. Una leva di 1:100 ad esempio consente di esporsi di 10€ anziché di 1.000€. Il rapporto di leva varia a seconda del broker e dello strumento finanziario. Può essere fissa o variabile. I CFD consentono di ottenere risultati economici proporzionali ai rialzi o ai ribassi dell'asset sottostante su cui si negozia. 

Le opzioni binarie sono invece strumenti finanziari caratterizzati dalla presenza di due possibili risultati, in the money (profitto) e out of the money (perdita), ragion per cui il loro nome richiama il sistema binario. Le opzioni binarie consentono di ottenere risultati economici positivi in base ad una percentuale predeterminata, mentre quelli negativi hanno come massimale l'importo dell'opzione binaria acquistata, ovvero l'importo del singolo "investimento". 

Per dei risultati in tempi rapidi

Sia i CFD che le opzioni binarie sono stati creati con l'idea di offrire ai trader online l'opportunità di ottenere risultati in tempi rapidi, o comunque senza "impegnarli" per troppo tempo e con troppe pratiche burocratiche.

I CFD sono ottimali per un trading intraday, infrasettimanale e in alcuni casi mensile. Questo perché presentano dei costi di overnight che sebbene esigui a lungo termine potrebbero avere effetti sul risultato netto dell'operazione. L'overnight è il costo applicato dal broker per mantenere una posizione aperta fino al giorno di contrattazione successivo. 

Le opzioni binarie, invece, sono caratterizzate dalla scadenza, decisa dall'utente stesso, ovvero dal trader. La scadenza delle opzioni può partire da pochi secondi (30 secondi con le opzioni turbo) e arrivare ad alcuni giorni. Consigliamo di procedere sempre con opzioni dalla scadenza non inferiore a 30 minuti - 1 ora, nel caso si riescano ad individuare forti trend in atto.

Varietà di categorie di prodotti finanziari negoziabili

L'opportunità di diversificare il proprio portafoglio in modo completo, nel trading online, è un vantaggio non da poco. E' infatti possibile negoziare su CFD e opzioni con numerose categorie di asset:

  • Forex: mercato valutario, ovvero coppie valutarie o cambi valute
  • Azioni: titoli quotati su mercati azionari di tutto il mondo, tra cui tutti i principali
  • Indici di borsa: gli indici più importanti delle piazze borsistiche internazionali
  • ETF: quote di particolari fondi d'investimento denominati Exchange Traded Funds
  • Materie prime: o commodities, comprendono futures scambiati sui mercati di materie prime
  • Criptovalute: la nuova frontiera dell'investimento e del trading online
  • Obbligazioni: i cosiddetti bond
  • Opzioni classiche: da non confondere con le opzioni binarie, si tratta di titoli con cui si acquista il diritto ma non l'obbligo di far valere un determinato contratto a una determinata scadenza

Considerati tutti gli aspetti toccati da questo articolo, è sicuramente più facile comprendere come mai tale pratica abbia ottenuto sempre più consensi in tutto il mondo, Italia compresa.