Accedi al mercato finanziarioTipologie di conto disponibili
Trai profitto dal tempo libero e dalle tue conoscenze di mercato, negoziando al rialzo e al ribasso sul prezzo di azioni, euro, oro, petrolio, indici di borsa, ETF.
Scarica Plus500
Plus500 è una società quotata sulla Borsa di Londra, regolamentata per il trading da CySEC e operativa in Italia dal 2008. Visita il sito ufficiale.

*Considera i rischi di mercato
**Con Plus500 i rischi sono limitati a quanto depositato
CONTO DEMOCONTO REALE

Gratuito

Illimitato nel tempo

Anonimo

Senza rischi

Facoltativo

Demo sempre disponibile

Sei protetto dal saldo negativo

Supporto via chat
Prova Ora Iscriviti




Petrolio, prezzo in bilico

Giorni critici per il prezzo del petrolio
Si attendono per oggi, giovedì 6 luglio, l'annuncio dei dati sulle scorte strategiche di petrolio da parte del Dipartimento dell'Energia statunitense. Nel frattempo, nella giornata di contrattazione di ieri, il prezzo del petrolio ha subito un forte calo, fino a sfiorare i 45 dollari, per poi risalire leggermente nella giornata odierna, risalendo a quota 45,70 che comunque resta un livello di allarme.

Prezzo del petrolio, previsioni ribassiste

Crescono le previsioni al ribasso sul petrolio, rafforzate dalle voci ufficiose (i cosiddetti rumors) hanno diffuso la notizia di malumori russi riguardo i nuovi tagli OPEC. La questione è semplice. Per sostenere il prezzo del petrolio l'OPEC (Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio) periodicamente cerca di "darsi una regolata", nel senso di regole, circa la quantità di petrolio da estrarre. Il problema è che l'OPEC non comprende tutti i paesi, tra cui gli USA.

Si creano quindi dei problemi di concorrenza, soprattutto per paesi come la Russia la cui economia si basa soprattutto sull'energia ed ha sempre comunque bisogno di rifocillare le proprie casse di seconda forza militare al mondo. Una questione non da poco.

 Proprio per questo malumore russo, il prezzo del petrolio potrebbe quindi non essere sostenuto abbastanza e scendere nuovamente in basso, verso quota 40$ o forse anche ad un livello minore. Gli analisti più pessimisti temono un petrolio a 30$ nel 2018, ma ne dovrà passare di petrolio sotto i ponti prima di arrivare all'anno prossimo, quindi realisticamente e con molta pazienza resteremo a vedere cosa succede, prima di trarne conseguenze. 

Se a questo malumore si aggiungono i dati delle scorte USA di un certo tipo, i pericoli di ribasso del petrolio si fanno ancora più concreti.

Negoziare sul petrolio

Chi è interessato a negoziare online sul petrolio, al rialzo o al ribasso, per risultati economici sul breve e brevissimo periodo (giornaliero, settimanale, mensile), può farlo tramite i CFD della piattaforma +500.

 Leggi anche: Pagina informativa sul petrolio 

E' possibile provare in modalità demo senza depositare. Con i fondi reali, invece, il capitale depositato sarà esposto ai rischi del mercato finanziario.