Le opzioni binarie IQ Option hanno Cannavaro come nuovo testimonial

Piazza Affari a 21700, quanto durerà?

Il principale listino di Borsa Italiana, il FTSE MIB, continua a mietere rialzi arrivando ad avvicinarsi a quota 22000. Nel corso dello scorso anno, l'indice azionario italiano, così come la maggior parte degli indici di Borsa europei, era sprofondato. Nel mese di giugno 2016 era arrivato addirittura a quota 15103, nonostante il 2015 si fosse chiuso sopra i 21000.

Nella giornata di ieri, 15 maggio 2017, in chiusura delle contrattazioni, il FTSE MIB ha chiuso a 21704,46. Il 2017 è stato un anno piuttosto favorevole per l'indice azionario di Piazza Affari, che ha continuato il lavoro di rialzo iniziato potentemente nel dicembre 2016, quando è risalito in meno di un mese da 17000 a 19400. Grandi sbalzi, che hanno favorito i trader che hanno operato nel breve termine (o brevissimo, a seconda di come si consideri 1 mese di contrattazioni).

Cosa succederà questo mese? Tra qualche giorno partiranno infatti gli stacchi dei dividendi, perciò assisteremo a due correnti:

  • Di vendita: per prendere profitto
  • Di acquisto: per approfittare del fisiologico abbassamento dei prezzi dovuto alle vendite

Occorre tuttavia fare delle considerazioni a proposito di questi due punti.

Per quanto riguarda la vendita, ci potrebbe essere una flusso di vendita più forte del solito, poiché per l'appunto nell'arco di un anno il rialzo è stato considerevole e alcuni titoli azionari hanno reso molto bene.

Per quanto riguarda gli acquisti, più tarderanno e più nel frattempo scenderà l'indice azionario.

Quindi, alla domanda "quanto durerà?" riguardante l'attuale rialzo potremmo rispondere "fino allo stacco dei dividendi", mentre alla domanda (più importante) "quando riprenderà il rialzo?" si potrebbe rispondere in questo modo: dipende dalla fiducia che gli investitori avranno nei titoli per il prossimo anno. Più alta sarà la fiducia, meno si aspetterà per comprarli, più il FTSE MIB riprenderà a salire in fretta.

Le previsioni sui numeri le lasciamo a voi. Vi ricordiamo che i CFD consentono di ottenere benefici sui dividendi, così come spiegato nel nostro articolo dedicato ai dividendi con i CFD.