INIZIA IL TRADINGSCEGLI COME INIZIARE
Scarica Plus500
Il Capitale è a rischio

Plus500 è una delle piattaforme CFD più note per il trading online su criptovalute, Forex, azioni, materie prime, indici, ETF e opzioni. La società è quotata nella sezione AIM della Borsa di Londra, regolamentata da CySEC (licenza n.250/14), adeguata al MiFID, iscritta al registro CONSOB e operativa in Italia dal 2008.

Consente di negoziare al rialzo e al ribasso sulle criptovalute a maggiore capitalizzazione, su migliaia di azioni di tutti i listini più importanti tra cui le azioni Ferrari, su tutti i principali indici azionari tra cui l'italiano FTSE MIB. Infine, tutti i principali cambi valutari del Forex tra cui l'Euro/Dollaro e numerosi futures su materie prime tra cui Oro, Gas Naturale e Petrolio.





CONTO DEMOCONTO REALE

Gratuito

A tempo illimitato

Anonimo

Senza vincoli

Senza rischi (fondi virtuali)


Facoltativo

Demo sempre disponibile

Adatto anche per piccoli budget

Sei protetto dal saldo negativo

Supporto via chat

Prova Ora Iscriviti



SELEZIONA UNO STRUMENTO E OPERA CON LA PIATTAFORMA DI TRADING CFD PLUS500
Trading su Criptovalute Trading sul Forex Trading su Azioni Trading su Indici Trading su Materie Trading su ETF
Il capitale è a rischio. Le criptovalute sono soggette a variazioni di prezzo molto elevate.

Trading sul petrolio, tagli di produzione e OPEC

Le dichiarazioni Opec stanno creando dubbi per il trading sul petrolio.
La caduta del prezzo del petrolio ha reso necessario trovare un accordo sulla produzione, che ha prodotto la decisione di operare dei tagli da parte dei membri dei paesi dell'Opec. Tuttavia, questi tagli pare che non basteranno a rinsaldare la quotazione del petrolio. Di tale idea sono molti analisti e anche professionisti del trading online. Cerchiamo di capire meglio cosa sta accadendo e di fare qualche previsione utile per chi desidera approfondire in modo personale l'argomento e le strategie di negoziazione.

Petrolio, cosa succede nell'Opec?

Dai tagli di produzione del petrolio ci si aspettava qualche reazione positiva più evidente, ma così non è stato. Il risultato di questo apparente flop è che vi sono segnali che fanno intendere che l'Opec voglia cambiare strategia o peggio, che alcuni dei paesi membri comincino ad essere impazienti. Il fatto che l'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio voglia cambiare approccio è messa in evidenza dalla discrepanza dei dati della produzione di petrolio da parte dell'Arabia Saudita, seguita da una dovuta precisazione, un piccolo "teatrino" a cui solitamente non si assiste. La discrepanza, nello specifico, ha riguardato i tagli produttivi, che si scontravano fortemente con le stime del gruppo stesso. Un altro fatto che conferma che qualcosa stia fermentando tra le mura dell'OPEC è l'intervista rilasciata dal ministro del petrolio dell'Iraq, Jabbar Al Luaibi, il quale ha dichiarato che l'Opec ha in mente di adottare nuove politiche per separare produzione e export. Essendo tale dichiarazione in netta contraddizione con la posizione dell'Opec, vuol dire che qualcosa nella diplomazia dei paesi membri non quadra.

Previsioni sul prezzo del petrolio e trading

Senza addentrarsi troppo nelle beghe che son tutt'altro che chiare, cerchiamo di restare ai fatti e analizzare il prezzo del petrolio e le mosse da adottare per il trading nel breve periodo. Ciò che emerge dall'ambigua situazione interna all'OPEC, è che l'accordo sui tagli della produzione ha bisogno di qualche altro accorgimento prima di poter offrire dei risultati concreti. In termini di mercato, il prezzo del petrolio non ha ottenuto il sostegno sufficiente per poter tornare attorno a quota 60$. Potremmo dividere le strategie di trading online sul petrolio in due possibili varianti:
  • Al rialzo: nel caso in cui fossero aggiunti accorgimenti sugli accordi efficaci e fermamente adottati.
  • Al ribasso: nel caso continuassero queste strane situazioni dovute ad ambigue dichiarazioni.