Le opzioni binarie IQ Option hanno Cannavaro come nuovo testimonial

Azioni Snapchat, la migliore piattaforma trading

Circa un mese fa avevamo annunciato alcune delle IPO più interessanti del 2017 e tra le varie avevamo incluso ovviamente anche quella delle azioni Snapchat. Successivamente, abbiamo presentato una piattaforma trading che consentiva di negoziare su tali titoli, sin dai primi giorni della Offerta Pubblica Iniziale dell'azienda di comunicazione, che di fatto si è rivelata una bomba, con degli aumenti vertiginosi che hanno fatto schizzare il titolo e reso contenti amministratori, investitori e trader rialzisti.

La migliore piattaforma di trading per le azioni Snapchat

Per le azioni Snapchat, anche se ad esser più precisi dovremmo chiamarle azioni Snap, la migliore piattaforma che abbiamo potuto provare personalmente per il trading è stata quella di Plus500 (scopri cosa è Plus500), poiché si è rivelata ancora una volta attenta nell'offrire la possibilità di negoziare sul titolo, anche se in questo caso in tempi non brevissimi. Tuttavia, appena c'è stata la possibilità, abbiamo aperto una posizione al rialzo a fine dimostrativo.


Siamo entrati con un trend al rialzo in corso e in un paio d'ore abbiamo raddoppiato il capitale utilizzato per le azioni Snapchat. Con un lotto minimo che richiedeva un'esposizione di circa 127 euro, in 2 ore il conto economico netto per l'operazione era di 100 euro in positivo. Come si può vedere, con la stessa piattaforma avevamo aperto una posizione al rialzo anche sulle azioni Unicredit.

Trattandosi di CFD, l'esposizione è pari soltanto ad una parte del valore effettivo dei titoli, che erano soggetti ad una leva di 1:10. 

Consiglio sulle azioni Snapchat nei prossimi giorni e settimane

Il titolo Snapchat, a seguito della IPO, è salito parecchio. Per tale motivo, inizieranno le fisiologiche prese di profitto. Quando si tratta di azioni, occorre capire anche il reale valore della società, di cui abbiamo offerto qualche dato nell'articolo su Snapchat

Ci si può aspettare quindi assestamenti dovuti alle prese di profitto (quindi vendite che faranno scendere il prezzo), ai riacquisti (ad un prezzo migliore) e ai movimenti più naturali, dovuti alle valutazioni sui piani aziendali, che se da una parte rende bene in pubblicità, dall'altra ha le mani bucate in quanto a spese. 

Nel brevissimo termine vi saranno quindi ancora forti scossoni, perciò consigliamo di agire in intraday, con bilanci giornalieri delle operazioni.