Piattaforma Trading
(app e browser)
Strumenti negoziabili
Demo Gratuita
(fondi virtuali)
Consob
Software
disponibili
Vantaggi e promozioni
Accesso
Logo della piattaforma trading e broker Plus500
Capitale a proprio rischio
CFD su
Azioni, Forex, Indici,
ETF, Materie, Opzioni

Non è richiesto deposito
n.4161
Plus500
Conto demo gratuito e illimitato
Piattaforma facile da utilizzare
Prova
(Gratuito)
Capitale a proprio rischio
CFD su
Azioni, Forex, Indici,
ETF, Materie, Bond

Non è richiesto deposito
n.2640
MT4
Ava Trader
Conto demo gratuito e illimitato
Supporto italiano e competente
Seminari in Italia e Webinar gratuiti
Prova
(Gratuito)
Capitale a proprio rischio
Opzioni su
Azioni, Forex,
Indici, Materie

Non è richiesto deposito
n.4090
IQ
Conto demo gratuito e illimitato
Deposito minimo 10€
Negozi a partire da 1€
Opzioni a partire da 30 secondi
Prova
(Gratuito)
Capitale a proprio rischio
Opzioni su
Azioni, Forex,
Indici, Materie
Dopo primo deposito
n.3853
24option
Assistenza 24/24
Strumenti analisi tecnica
Servizio di segnali

Intesa e Generali, niente scalata

Intesa Sanpaolo rinuncia alla scalata su Generali
Dopo aver esaminato i dossier di Generali, Intesa Sanpaolo ha deciso che non procederà alla "scalata" su Generali. La motivazione chiave, a detta dell'amministratore delegato di Intesa, Carlo Messina, è che non vi sono opportunità che rispondano ai criteri di creazione e distribuzione di valore per i propri azionisti, al fine di mantenere la leadership di adeguatezza patrimoniale. Tra Intesa e Generali non vi sarà quindi un'aggregazione.

L'obbiettivo di Intesa Sanpaolo comunque rimane. Lo stesso Messina annuncia che la banca procederà per "via endogena" e che in continuità con il piano d'impresa per il quadriennio 2014-2017 continuerà la distribuzione complessiva di 10 miliardi di euro in dividendi cash. La necessità di crescere ulteriormente nel settore trova le sue motivazioni anche nei titoli obbligazionari in scadenza nel triennio 2017-2019.

In realtà, questa dichiarazione stupisce fino ad un certo punto, poiché i requisiti richiesti da Generali erano piuttosto ardui anche se comunque lasciavano qualche porta aperta. Lo stesso hanno fatto Allianz e Axa.

Per Generali è un'opportunità mancata, ma ora che Intesa ha mollato la presa, potremmo assistere al passo avanti di qualcuno che aspettava il momento giusto.