Le opzioni binarie IQ Option hanno Cannavaro come nuovo testimonial

Su cosa investire a luglio agosto 2016


Consigli per come investire nei mesi di luglio e agosto 2016
Questa estate investire in Borsa sarà molto più difficile del solito, per via delle perturbazioni portate dagli esiti del referendum Brexit. Cosa fare, allora, attendere tempi migliori? Sebbene sia un'opzione non del tutto opinabile, si potrebbe semplicemente puntare su altre tipologie di mercato, come ad esempio quello del Foreign Exchange Market, il mercato valutario, detto anche "Forex". Il mercato dei cambi si compone di cambi principali, secondari e virtuali (Bitcoin), ma vi consigliamo vivamente di focalizzarvi sui cambi principali, poiché sono quelli dagli esiti più prevedibili e coerenti con gli avvenimenti di mercato.

Investire su valute o fare trading sul Forex online dal proprio dispositivo è un'attività ottimale per chi segue gli eventi finanziari e conosce le dinamiche causanti i rialzi e i ribassi dei cambi valutari, legate ai principali eventi macroeconomici che accadono giorno per giorno. Un evento macroeconomico che guiderà gli investimenti e il trading per i mesi di luglio e agosto sarà l'insieme di avvenimenti e decisioni conseguenti alla Brexit.

Qui di seguito trovate dei commenti riguardanti la situazione attuale di alcuni dei principali cambi valute, sui quali potrete iniziare a fare trading utilizzando in modalità demo la piattaforma a cui potrete accedere cliccando su "acquista" o vendi". Per utilizzarne altre, potete consultare la nostra pagina riguardanti i migliori software per trading del 2016, una lista aggiornata in base alle preferenze dei nostri lettori.

 
Accedi ai mercati azionari e valutari
Partecipa alle IPO ogni settimana
+2.000 titoli di tutti i mercati del mondo
Scarica Plus500
Sistema internazionale di negoziazione CFD
Iscritta all'elenco CONSOB al n. 4161 e 2912.
*Quando si opera con denaro reale
il capitale depositato è esposto ai rischi di mercato


Leggi la recensione

Tutti i dettagli della società


Prova la demo gratuita

Accedi in 1 minuto, fornendo solo una e-mail
 

Cambio Valute

L'idea di investire o di fare trading online sul Forex ovvero sul mercato delle valute è sicuramente da considerare. Il cambio euro dollaro è sempre il più richiesto, il trading sulla coppia EUR/USD è dai suoi inizi il più attivo tra tutti gli altri. Lo sarà anche in questo periodo, che tuttavia sta vedendo e vedrà un'impennata anche di altri cambi quali:

  • USD/JPY ovvero dollaro americano contro yen giapponese
  • EUR/GBP ovvero euro contro sterlina inglese
  • GBP/USD ovvero sterlina inglese contro dollaro americano
  • GBP/JPY ovvero sterlina inglese contro yen giapponese

Cambio Euro Dollaro

Il cambio euro dollaro come abbiamo già precisato è sempre quello più scambiato. Nessuno grande sconvolgimento riesce a toglierlo dalla prima posizione, perciò neanche un evento tanto imponente come il Brexit (sebbene non sia ancora attuato) è riuscito a scalfire il distacco tra il volume di scambi di questa coppia con quello delle altre coppie valutarie. Ebbene, il cambio euro dollaro ha visto un forte calo nel giorno seguente ai risultati del referendum Brexit, tuttavia ha ripreso la strada verso il riequilibrio con il momento precedente ad esso. Come si può notare dal grafico in tempo reale qui sotto (CFD su EUR/USD), cliccando sul pulsante "1h", che nel giorno del 24 il cambio EUR/USD ha perso diversi punti. Questo risultato ha premiato notevolmente chi ha negoziato al ribasso in vista del referendum, prevedendo la vittoria dei "Leave".




Cambio Dollaro Yen Giapponese

In molti investitori e operatori del mercato americani (così come europei) stanno spostando i loro investimenti dalla sterlina inglese allo yen giapponese. Questo succede perché si cerca un piazzamento su un mercato che sebbene sia ancora alle prese con la recessione, è molto meno influenzato dai possibili effetti del Brexit sui mercati azionari e valutari. L'acquisto in massa di yen giapponesi in seguito alla Brexit ha fatto lievitare la quotazione della valuta Yen mettendo ancora più in difficoltà la politica denominata Abenomics, che invece vorrebbe uno Yen debole per una facilitazione delle esportazioni. Insomma, il paradosso ha voluto che la Brexit avesse i suoi primi effetti anche sul Giappone, territorio il cui mercato rappresenta comunque un'isola lontana da quella europea. Qui di seguito, il grafico dei CFD su USD/JPY.


Cambio Euro Sterlina Inglese

Questo si preannuncia come il più duro confronto nel Forex del prossimo futuro. Euro contro Sterlina Inglese, dopo il referendum che ha visto vincere la richiesta di uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea. Qui di seguito, vediamo l'andamento in tempo reale dei CFD sul cambio EUR/GBP.

Come si può vedere cliccando sul pulsante "1h" a partire dal giorno seguente al referendum il cambio EUR/GBP ha ottenuto un forte rialzo, che è continuato nei giorni e settimane seguenti. In altre parole, la sterlina ha subito un discreto crollo nei confronti dell'euro. Euro che, va detto, nello stesso giorno ha subito un forte calo nei confronti del dollaro. Questo movimento al rialzo potrebbe continuare questa estate nel caso venissero pubblicati dati macroeconomici riguardanti la Gran Bretagna particolarmente negativi.

Cambio Sterlina con Dollaro USA

Anche il cambio GBP/USD, ovvero sterlina inglese contro dollaro statunitense a subito un calo in seguito all'esito del referendum, anche se leggermente più moderato rispetto agli altri visti sino ad ora. Per i mesi di luglio e agosto, potrebbe subire variazioni considerevoli soltanto a seguito di importanti annunci legati alle conseguenze della Brexit. 

Cambio Sterlina Inglese Yen Giapponese

Questo è il cambio che al momento ha visto la fuga diretta dalla sterlina allo yen. Come potete notare dal grafico (cliccando sul solito pulsante 1h) nei primi giorni di luglio il cambio GBP/JPY continua a muoversi al ribasso. Questo accade perché sempre più investitori e trader preferiscono vendere sterline e comprare yen giapponesi. Nel caso in cui le cose non migliorassero per la Gran Bretagna, ovvero se arrivassero brutti dati su PIL o produzione industriale, questo cambio potrà avere ulteriori ribassi. 


+Traderonlineitalia