Piattaforma/APP (Gratuita)Strumenti negoziabili (CFD)Vantaggi per l'utenteTipologie di conto disponibili
Scarica Plus500

> Download Gratuito

NOTA:
Quando si opera con denaro reale,
ci si espone ai rischi di mercato.
Scopri come contrastare il rischio.
FOREX
(Tutti i cambi tra cui EUR/USD)

AZIONI
(Oltre 2000 azioni)
(Azioni Ferrari incluse)

MATERIE PRIME
(Tra cui Petrolio, Oro, Gas)

ETF

INDICI
(New York, Milano, Francoforte, Londra, Parigi, Tokyo ecc.)

OPZ. VANILLA SU INDICI/AZIONI



• Iscrizione gratuita
• Demo gratuita con fondi virtuali
•La demo non richiede deposito
• Funzioni grafiche base e avanzate
• Depositi reali a partire da soli 100€
• Rischio limitato a quanto depositato
• Strumenti per la limitazione del rischio
• Spread stretti e 0 commissioni
• Per desktop e mobile
• S.O. Windows, iOS, Android, Linux



Conto di PraticaConto Reale
Il conto di pratica (conto demo) è messo a disposizione del cliente in modo del tutto gratuito. La sua funzione è quella di far testare la piattaforma e consentire all'utente di prendere confidenza con lo strumento prima di fare trading con denaro reale. Ottimo per imparare praticando, così come per migliorare le proprie strategie.Il conto reale consente di fare trading con denaro reale. Prima di passare a questa modalità, consigliamo vivamente di prendere confidenza con lo strumento e maturare esperienza. Per maturare tale esperienza si può praticare con il conto di pratica, che rispecchia le stesse condizioni del conto reale, ma operando con fondi virtuali, senza alcun rischio.
CONTO DI PRATICA ► CONTO REALE ►

Azioni Ferrari, mito da sfatare

Le azioni Ferrari saranno quotate in Borsa nei prossimi giorni
Sulle azioni Ferrari si è discusso tanto e ancora di più lo si farà in dirittura di arrivo della IPO Ferrari 2015 che avverrà tra pochissimi giorni, verso il 13 ottobre, a Wall Street. La creatura di Enzo Ferrari, oggi nelle mani del presidente Sergio Marchionne, varcherà le porte dell'indice di borsa NYSE, il più grande indice azionario al mondo. Ebbene, tra qualche giorno al suono della campanella prenderà il via la IPO più attesa del 2015, che ha creato delle aspettative sia giuste che sbagliate, sia ottimiste che pessimiste.

Azioni Ferrari in Borsa, un male?

In tanti hanno già gridato al mostro, pensando alla IPO Ferrari come qualcosa che cambierà il marchio facendolo diventare da un gioiello tutto italiano a una multinazionale melting pot, con arabi e cinesi a cambiare il design un po' a loro piacimento. Potremmo dire che per tutti coloro che hanno avuto questa strana idea, la dose di calcio è da diminuire, poiché se ridendo e scherzando a Milano sono arrivati gli asiatici a comprarsi entrambe le squadre, mentre in Inghilterra e Francia gli arabi si comprano squadre e stadi, con Marchionne non si ride e non si scherza. Lo sanno bene gli operai della Fiat, lo sanno bene gli operai di FCA. Lo sanno bene tutti.

Per questo, il fatto che Sergio Marchionne abbia deciso già dall'inizio che si sarebbero quotate in borsa soltanto il 10% delle azioni Ferrari fa capire come in realtà la questione "integrità" non sia mai esistita realmente. Almeno, in qualche modo che faccia preoccupare. Come descritto nel nostro articolo sulle azioni Ferrari che abbiamo aggiornato fin dalla prima pubblicazione del 2014, l'operazione ha fini ben precisi, che vanno nella direzione di un miglioramento dell'organizzazione aziendale su diversi fronti.

I titoli azionari Ferrari sono pronti per essere scambiati sulla piattaforma +500. Nella tabella qui sotto, trovate le informazioni per l'iscrizione gratuita, che vi consente già da subito di accedere alla borsa azioni cfd online, per ottenere risultati economici rapidi sui movimenti di prezzo dei titoli, puntando al rialzo o al ribasso.

Accedi al mercato (azioni Ferrari incluse)
Trai profitto dal rialzo/ribasso di Ferrari
Scarica Plus500 
sistema internazionale di negoziazione CFD
Licenza Consob n. 4161
Conto Demo
senza rischi
ottimo per praticare
Conto Reale
rischi di mercato
come difendersi
Gratuito
Illimitato
Anonimo
Gratuito
Bonus 25€ senza dep.
Deposito facoltativo
► DEMO ► ISCRIVITI


IPO Ferrari, chi potrà comprare azioni?

Questo è uno dei punti che invece sta più caro a coloro che sono interessati a comprare azioni Ferrari, per investimento o semplicemente per avere l'orgoglio di essere un azionista Ferrari. La questione può sembrare semplicistica e un po' banale, ma in realtà non lo è. La Ferrari, oltre che una vettura, è storia, è una squadra, è una passione. Se per il calcio abbiamo assistito alla nascita della azioni Juventus, delle azioni Roma e Lazio (ma non ancora Milan e Inter, per adesso), potremmo assistere ad uno strano fenomeno anche per la Ferrari. Infatti, oltre ad essere una grande casa automobilistica, la Ferrari è anche una "squadra" di Formula 1, perciò oltre agli investitori professionisti, a coloro che vorranno investire su Ferrari per diversificare il proprio portafoglio, a coloro che se la ritroveranno nei fondi d'investimenti, vi saranno anche coloro che investiranno in azioni Ferrari per puro spirito d'appartenenza. Resterà sempre qualcuno che dimostrerà la sua contrarietà all'operazione, considerando la Ferrari come il Parmigiano Reggiano, o come altri grandi prodotti super italiani.

Ferrari non più italiana?

La Ferrari è italiana e sarà italiana anche dopo la IPO. La domanda più giusta dovrebbe essere questa: dato il successo delle vendite all'estero da diversi anni a questa parte, la Ferrari sarebbe ancora interamente prodotta in Italia se non fosse stata gestita da italiani che avessero a cuore la questione dell'originarietà? Già, perché se confrontiamo le vendite nel mondo, vediamo che l'Italia sta un po' dietro a tanti altri.

La preoccupazione di chi compra Ferrari

Una prospettiva abbastanza insolita da cui guardare le cose, quella di un soggetto che desidera acquistare una Ferrari: se con la IPO l'obbiettivo è quello di aumentare la produzione e quindi il numero di Ferrari in giro per il mondo, perché dovrei comprare Ferrari invece di un'altra macchina che mi assicura un certo livello esclusività? 
Questo piccolo problema, sebbene riguardi pochissima gente, è in realtà un grande problema per la Ferrari. Infatti, Marchionne ha effettivamente rialzato le stime di produzione sia per FCA che per Ferrari e il cavallino potrebbe iniziare a produrre più modelli. Ma vogliamo credere che Marchionne non ci abbia pensato? Sicuramente saranno interessanti da studiare i nuovi piani di vendita Ferrari, che probabilmente prevederanno una sorta di "territorialità", così come anticipato un po' dalla nuova Ferrari California. 

+Traderonlineitalia