Le opzioni binarie IQ Option hanno Cannavaro come nuovo testimonial

Punto sulla Grecia al 21 settembre

Tsipras vince in Grecia ma vince l'euro
Nel nostro articolo dedicato alle news aggiornate sulla Grecia abbiamo seguito passo per passo lo svolgersi dei fatti principali a partire dal referendum vinto da Tsipras, al quale seguì la contro-proposta dello stesso premier alla "Troika", una proposta ottima per la Troika, pessima per chi vedeva in Tsipras il primo grande oppositore al sistema Euro. In realtà Tsipras non è contro l'Euro, ma contro l'austerity, contro "questa" Europa. Che è cosa diversa. Si è parlato di Dracma, ma non Tsipras. Anche Varoufakis ha prima lasciato e poi applaudito. Insomma, per dirla usando le parole di Tsipras, "hanno vinto le banche". E ieri, a prescindere da chi avesse vinto tra Tsipras e Meimarakis, avrebbe comunque vinto l'Euro. Le borse lo sapevano, noi lo abbiamo pronosticato nella nostra analisi nell'articolo precedentemente menzionato.

Tsipras vince ancora

Nella giornata di ieri, domenica 20 settembre 2015, si sono svolte le ennesime elezioni in Grecia. Dopo settimane di silenzio nei tg italiani, si è arrivati a domenica con dirette, collegamenti, live tweeting e ulteriori tristi approcci. Una questione che ha tenuto banco per mesi per terrorizzare le borse europee (con una buona percentuale di speculazione) non può finire nel dimenticatoio totale. La legge dell'audience colpisce anche molta stampa. Ad ogni modo, Tsipras vince ancora. Vince, ma non ha una maggioranza tale da avere un pieno controllo della situazione, cosa che lo ha già costretto a dichiarare che si alleerà nuovamente con un partito di destra. Nel nostro speciale sulla Grecia abbiamo pronosticato delle larghe intese con Meimarakis. Se saranno con un altro partito poco importa: il risultato non cambia. Per la Grecia ci sarà austerity. La politica greca vuole l'Euro e anche chi ha rivotato Tsipras ha palesemente detto "mi fido di te, euro o non euro". 

E ora, cosa succede in Grecia?

Ora, il piano è già bello che segnato e si può sintetizzare così: riforme. 

Sono già decise, sono già pattuite, sono state già pagate, ordinate e tracciate.