Piattaforma/APP (Gratuita)Strumenti negoziabili (CFD)Vantaggi per l'utenteTipologie di conto disponibili
Scarica Plus500

> Download Gratuito

NOTA:
Quando si opera con denaro reale,
ci si espone ai rischi di mercato.
Scopri come contrastare il rischio.
FOREX
(Tutti i cambi tra cui EUR/USD)

AZIONI
(Oltre 2000 azioni)
(Azioni Ferrari incluse)

MATERIE PRIME
(Tra cui Petrolio, Oro, Gas)

ETF

INDICI
(New York, Milano, Francoforte, Londra, Parigi, Tokyo ecc.)

OPZ. VANILLA SU INDICI/AZIONI



• Iscrizione gratuita
• Demo gratuita con fondi virtuali
•La demo non richiede deposito
• Funzioni grafiche base e avanzate
• Depositi reali a partire da soli 100€
• Rischio limitato a quanto depositato
• Strumenti per la limitazione del rischio
• Spread stretti e 0 commissioni
• Per desktop e mobile
• S.O. Windows, iOS, Android, Linux



Conto di PraticaConto Reale
Il conto di pratica (conto demo) è messo a disposizione del cliente in modo del tutto gratuito. La sua funzione è quella di far testare la piattaforma e consentire all'utente di prendere confidenza con lo strumento prima di fare trading con denaro reale. Ottimo per imparare praticando, così come per migliorare le proprie strategie.Il conto reale consente di fare trading con denaro reale. Prima di passare a questa modalità, consigliamo vivamente di prendere confidenza con lo strumento e maturare esperienza. Per maturare tale esperienza si può praticare con il conto di pratica, che rispecchia le stesse condizioni del conto reale, ma operando con fondi virtuali, senza alcun rischio.
CONTO DI PRATICA ► CONTO REALE ►

Azioni Twitter a 26 dollari. I tweet entrano in borsa.

Oggi Twitter farà il suo ingresso in Borsa e più precisamente a Wall Street dove le azioni Twitter avranno il battesimo dell’IPO con una quotazione di circa 26 dollari. Questa quotazione, come era prevedibile, ha subito diverse oscillazioni partendo da una iniziale stima di 17-20 dollari e arrivando a 25-28. La quotazione in Borsa di Twitter segue a quello dell’altro gigante dei social network, Facebook, che invece è quotato in borsa dal 2011. Successivamente a questa operazione, anche Twitter dovrà iniziare ad “ingranare” sotto il punto di vista dei profitti, esattamente come hanno fatto Facebook o Youtube, perciò non meravigliamoci se tra qualche tempo vedremo qualche banner pubblicitario sui lati della videata principale, sperando che non si ecceda nell’invasività. Con la IPO, Twitter mira a raccogliere circa 2 miliardi di dollari. Per fare un confronto, Google nel 2004 ne ha raccolti 1,9. Questa è una scommessa quanto meno azzardata poiché quando Google entrò in borsa era in utile, mentre Twitter non lo è. Certo è che i tempi sono leggermente cambiati e le potenzialità dell’uccellino cinguettante sono difficilmente comprensibili, dato che fino ad ora non si sono sviluppate appieno le strategie “monetizzabili”.
Visitaci su Google+